rigonews . LA ZONA . INIZIATIVE . NEWS . CONTATTI . HOME .
"piove governo ladro"

Edizione invernale del Colle degli Ulivi 2009 >

Il Colle degli Ulivi 2009 ha avuto una insolita edizione invernale; sì, perché nonostante il calendario, e nonostante la settimana prima della festa sia stata la più calda dell’anno, con piovetemperature sahariane, la settimana del Colle ha visto pioggia, vento, freddo, degni di un Marzo, non di un Giugno. Veri e propri fortunali si sono abbattuti senza pietà sulle strutture della festa, pioggia, grandine e vento hanno flagellato il Colle. Questo non ha fermato la proverbiale ingegnosità rigomagnese, nel senso che si è cercato in tutti i modi di andare avanti secondo programma, ma l’atmosfera generale ne ha risentito non poco. Se da un lato le iniziative di rappresentanza, quali la cena dello champagne, si sono svolte con il solito successo (memorabile Catullo alla guida della Citroën di rappresentanza, accompagnato da una moglie più splendida del solito), con l’intervento delle autorità francesi e nostrali, dall’altro qualcosa è mancato: la festa, appunto. Nel senso della gente, di Rigomagno e non, che sta in piazza, chiacchiera, si guarda attorno, si ritrova, in una parola, anima il borgo. Soprattutto i meno giovani hanno risentito del freddo e della umidità, e sono tornati tristemente a casa. Peccato, perché gli spettacoli erano, come al solito, d’eccellenza, dai validi Cappotto e Cammello ai grandi Irio de Paula e Danilo Rea; Rigomagno Ridens avrebbe meritato senz’altro più pubblico, l’enoteca era come sempre assai ben fornita...
Lo staff, inteso come quelli che danno una mano, ha comunque fronteggiato la mala parata con il consueto spirito di servizio, condito da qualche moccolo: all’Angolo del Ghiotto il Giubba, il Conte e i Mazzarrini hanno preparato tutte le sere laute cene a prezzi popolari, i ragazzi della pizzeria coordinati da Gerardo hanno lavorato eroicamente nonostante le pozze d’acqua, la mitica Cinzia mixava cocktails antiumidità, gli ardimentosi della griglia, rinforzati dal neo-onorevole Mariottini hanno sudato sette camicie.
Ma il tempo non ci ha rispettato, e noi tignosi, dopo un sondaggio via SMS del Presidente (“SIAMO FORTI!”), abbiamo deciso di prolungare il Colle per il fine settimana successivo, vedi un po’... e il bello è che ne è uscita una “coda” più che dignitosa, data la programmazione improvvisata.
Non che la stagione ci abbia aiutato neanche per il prosieguo, nel senso che la bufera si è appena attenuata, assumendo un carattere decisamente monsonico: sole al mattino, pioggia nel pomeriggio, umido la sera; ma almeno si poteva stare in piazza, sia pure col cappotto. Per difficile che sia, faremo meglio il prossimo anno, sperando in un meteo meno inclemente... ci siamo riconsolati comunque con la benfinita, forse anch’essa un po’ sottotono rispetto alle sbronze gigantesche degli anni passati, ma in campagna non tutte le annate sono favorevoli...

IL CIELO IN PIAZZA:
OMAGGIO A GALILEO GALILEI >

RIGOMAGNO RIDENS
LE FOTO >


15-16 agosto:
è stato

"Rigomagno Beach">


caneDel cattivo tempo che ha caratterizzato l’edizione 2009 del Colle degli Ulivi è stato già detto, e del buon successo anche. Tuttavia, solo perché non si pensi che vogliamo mascherare un insuccesso e che a Rigomagno nei giorni della festa non c’era neanche un cane, pubblichiamo una foto che lo smentisce.
La manifestazione ha avuto anche un’appendice nel fine settimana successivo, durante il quale il tempo non è migliorato molto, ma nel complesso ha consentito lo svolgimento, quasi regolare, delle nuove iniziative. Si è tratto di nuove esperienze, della quali avremmo fatto volentieri a meno, ma tant’è!
Per “l’appendice” di cui abbiamo detto, abbiamo attinto al contenitore del programma ufficiale, recuperando quei gruppi il cui spettacolo era stato danneggiato dal cattivo tempo. È stata la scusa, per gli indomiti che avevano sfidato le intemperie nella settimana precedente, per riascoltare gruppi veramente interessanti, come i SuzyQ ed altri giovanissimi artisti locali.
È stata riproposta, o meglio è stata proposta perché non effettuata affatto, l’iniziativa “La rosa delle venti” ed è stato un successo memorabile. Occorre tuttavia dire che fino ad una mezz’ora prima del previsto inizio pioveva ed il cielo sembrava quello che si vede nei peggiori tifoni oceanici.
Nell’ambito dell’arte le mostre non ne hanno risentito molto, se non la presentazione di quella degli amici australiani che prevedeva uno spazio diffuso per tutti i borghi.
Anche l’esposizione delle vignette, stampate su pannelli 70x100cm, partecipanti al Concorso Nazionale “Rigomagno Ridens”, hanno risentito del vento e della pioggia, ma, trattandosi di soggetti spiritosi, l’hanno presa piuttosto bene, o quanto meno non si sono lamentate.
Per quanto riguarda i concerti di Rigojazz, tutto è andato a meraviglia. Irio De Paula, Danilo Rea, Sybil Smooth, per dire degli nospiti più grandi, ma anche i New Stomper, Cappotto e Cammello, il dr. Jobby, Filippo Barontini... hanno regalato tre serate assolutamente splendide. La formula “musica per la strada dalle 20 a notte fonda”, già collaudata nelle passate edizioni, ha dimostrato di essere perfetta:
– Molto suggestiva in prima serata, con poca gente, musica discretamente non invasiva, disseminata per borghi e vicoli.
– Sublime nel grande spettacolo di mezza serata, sul palco, con le grandi stelle internazionali ed i giovani musicisti mischiati tra la gente ad ascoltare i loro idoli.
– Fantastica in tarda serata con le jam session per i nottambuli e per i veri amanti della musica in compagnia.
Ma la parte musicale quest’anno è stata fortemente caratterizzata da un evento realizzato in collaborazione con “Six Bars Jail” (onestamente dobbiamo dire che hanno fatto tutto loro – noi ci siamo solo goduti i risultati). In breve, un fine settimana dedicato alla chitarra acustica ed ai suoi estimatori, con workshop e concerto con due grandi del fingerstyle internazionale: il tedesco Peter Finger e il nostro Franco Morone.
Riassunto così sembra una cosa da niente, ma per chi c’èra, per non dire per chi ha partecipato alle lezioni dei maestri, è stata un’esperienza indimenticabile.


 

Alcuni siti nuovi o rinnovati della nostra zona che meritano di essere visitati  

comune sinalunga Amministrazione Comunale di Sinalunga
www.comune.sinalunga.si.it >

biblioato
Ufficio comune Ato biblioteche riunite della Valdichiana senese
www.biblioato.it >

amorosa
Locanda dell'Amorosa
www.amorosa.it >

teatro pinsuti
Teatro Comunale "Ciro Pinsuti" >

redaelli
Ristorante Walter Redaelli
www.ristoranteredaelli.it >

pieve ad mensulas
Parrocchia di San Pietro ad Mensulas
www.parrocchiapieve.it >