Dal volume "Rigomagno 2005", il Sindaco di Aÿ Champagne Dominique Lévêque, firma il libro di ricordi sul pozzo di Rigomagno, metre il Presidente della Proloco Renzo Francini ne approfitta per farsi fotografare, a nome di tutto il popolo con Bettina Roche responsabile della Segreteria del Sindaco di Aÿ.
i Comuni gemellati di Sinalunga e Aÿ Champagne
Lucia Mazzetti: “legami di amicizia” in Rigomagno 2005

la realizzazione di gemellaggi tra comuni e città, con le iniziative più ampie che nel tempo li accompagnano, rappresentano sicuramente un “agire” ed un operare col duplice obiettivo di contribuire dal basso alla promozione della cooperazione economica, sociale e culturale tra i paesi dell’Unione europea finalizzata alla costruzione di un’identità europea, ed al contempo di allargare il campo dell’autonomia e l’orizzonte, anche culturale, delle comunità locali, e creare legami di amicizia fra persone di lingue, culture, abitudini, storie diverse, contro ogni tentazione di chiusura etnica e culturale e di inutile provincialismo.
Queste sono state le premesse con le quali i Comuni di Sinalunga e di Aÿ Champagne hanno dato avvio al gemellaggio, per il tramite iniziale dei rispettivi organismi nazionali.
L’Amministrazione comunale di Sinalunga, proprio per dare corpo a questa idea di coinvolgimento della comunità locale negli eventi istituzionali, ha ritenuto, proprio nel contesto della deliberazione del Consiglio comunale che nell’ottobre 2002 dava avvio all’iter amministrativo, di costituire un Comitato per il gemellaggio, strumento di supporto composto da rappresentanze delle associazioni locali.
La partecipazione delle associazioni del territorio alla definizione nel tempo dei progetti di scambi, di incontri e di eventi tra le due comunità gemellate, è un’ulteriore sottolineatura di come le motivazioni del nostro gemellaggio con Aÿ attengono al bene comune, allo sviluppo democratico, alla crescita della “cittadinanza attiva”, un modo per dare contenuti veri ad un tema spesso ricorrente nelle politiche locali, che però, talvolta, rimane un’enunciazione di principio priva di quei contenuti che danno concretezza alle azioni di partecipazione.

In questi tre anni dall’avvio degli scambi e degli incontri con il Comune e la Comunità di Aÿ Champagne, è importante sottolineare come le nostre associazioni sono state attive e disponibili nell’organizzazione e nella realizzazione degli eventi, così come importante è stato il sostegno offerto dai singoli cittadini, la cui collaborazione è risultata indispensabile, come nel caso dell’ospitalità offerta alle amiche ed amici delle delegazioni del Comune di Aÿ (indistintamente amministratori, consiglieri del Comune, rappresentati di Enti ed Associazioni), peraltro ricambiata dalle famiglie di Aÿ alle nostre delegazioni.
In questo contesto si collocano anche i contatti e gli incontri con la comunità di Rigomagno e le delegazioni del Comune di Aÿ che si sono succedute in alcune recenti visite, incontri che hanno visto l’associazione Pro Loco Rigomagno come promotrice entusiasta.

Il “Colle degli Ulivi”, la festa che ogni anno ad inizio estate, grazie al lavoro ed all’entusiasmo della gente di Rigomagno, offre ai visitatori un angolo di Toscana, la cui bellezza invita alla calma ed alla pacatezza delle emozioni, ma che proprio la gente rende invece vivo e scanzonato, aperto alle contaminazioni culturali più diverse, se pure attento alla rilettura di un passato da cui traggono origine ancora oggi valori essenziali del vivere comune, solidarietà ed amore per la propria terra, non poteva non lasciare uno spazio significativo all’incontro con la comunità di Aÿ ed alla conoscenza di questo interessante e particolare angolo di Francia.
E dunque ecco che, grazie alla collaborazione con alcuni produttori di champagne di Aÿ, è stata organizzata una prima proposta – nel “Colle” del 2004 – di conoscenza e degustazione degli champagne di Aÿ.
Anche in Francia, come in Italia, il vino è da sempre segno distintivo non solo del paesaggio, ma anche della storia, della cultura e dell’economia di un territorio, questo vale ovviamente ancora di più quando i prodotti sono di così grande prestigio come nel caso degli champagne del territorio di Aÿ e della valle della Marne.

Il successo di questo primo, quasi timido, incontro con la realtà di Aÿ ha favorito, nell’edizione del “Colle degli Ulivi” 2005, la messa a punto di un progetto ben più ambizioso ed assolutamente in linea con i principi generali e “filosofici” del nostro gemellaggio.
Una serata trasformata in evento e destinata ad essere ricordata. “Grandi cuochi e champagne”: l’incontro con i pregiatissimi champagne delle produzioni di Aÿ ed i migliori prodotti della nostra tradizione gastronomica. Grandi prodotti uniti nella magica alchimia di semplicità e raffinatezza che esaltano sapori, profumi, colori, che solo Grandi Chef riescono a creare, valorizzando la tipicità e qualità di ingredienti, che fanno la storia e la cultura dei territori di cui sono espressione.
A conferma del significato diverso di questa serata e del fatto che non si trattava solo di un’ottima cena tra le molte che normalmente il Colle degli Ulivi propone per degustazioni diverse, ma qualcosa di più, il Sindaco di Aÿ, Dominique Lévêque, ha voluto regalare alla serata una sua dedica che non poteva che essere la più autorevole introduzione all’opuscolo omaggio per i partecipanti a ricordo della serata.

Un legame dunque che ci sta offrendo e ci auguriamo che intensifichi le opportunità di conoscenza, di riflessione e di scambio, che contribuiscono anche al superamento di vecchi pregiudizi e stereotipi, favorendo l’apertura a diverse culture e stili di vita e perché no anche ad imparare a degustare champagne insieme ai migliori prodotti della nostra cucina. Così come i nostri amici francesi sono ben felici di poter “condire” i loro piatti con il pregiatissimo e profumato olio extravergine degli olivi argentati del “Colle” di Rigomagno.


| GRANDI CUOCHI E CHAMPAGNE | >

| NOTE SU AY CHAMPAGNE | >