BAD DOGS
- quartetto (chitarra, basso, batteria e voce femminile).
 
La band è in piena attività live e suona nei festival che ospitano il genere blues
e si esibisce stabilmente presso alcuni locali toscani della provincia di Pisa, Lucca, Siena, Prato, Pistoia e Firenze, ma anche fuori Regione (al momento Umbria e Trentino Alto Adige).
 
Il genere suonato è soul, funky, rock blues ben mescolato con lo swing ed il jazz. Il epertorio vasto e le possibilità di muoversi fra generi affini consentono alla band, che comunque predilige il soul e il blues, di avvicinare l’esibizione alle  richieste dei locali e degli organizzatori.
Gli artisti di riferimento sono, fra gli altri: Tina Turner, Aretha Franklin, B.B. King, Muddy Waters, The Committements, Freddy King, Eric Clapton, Bill Withers... 
I Bad dogs sono
Filippo Barontini alle chitarre,
la cantante Antonella Della Malva,
Giampiero Verdolino al basso elettrico e al contrabbasso e
Michele Amato alla batteria.
 
FILIPPO BARONTINI (con la band della cantante ungherese Gina Schimkovits)  ha vinto nel 2006 il piu’ importante concorso riservato alle blues band nazionali, Obiettivo Blues in 2006, dal quale è derivata la partecipazione al Pistoia Blues 2006 (aprendo il concerto di Bob Dylan, Dirk Hamilton e Elliot Murphy); nel 2006 ha inoltre inanellato altre partecipazioni a vari festival, fra cui il RigoJazz Heritage Festival 2006 (Rigomagno (SI) headliner: Franco Cerri), il Festival Geni Musicali 2006 di Vinci (FI) (headliner Eric Sardinas), il Festival The Blue Sunset 2006, a Monte Santa Maria Tiberina (PG), il Festival Il Giardino delle Idee 2006 di Arezzo e il Festival “Blues Jam 2006” da lui organizzato ad Empoli. Ha avuto esperienze in Spagna, Irlanda, Grecia e Polonia e suonato con grossi calibri americani (vedi biografia allegata).
Filippo ha avuto esperienze in Spagna, Irlanda, Grecia e Polonia.
Filippo è essenzialmente un chitarrista elettrico, portando avanti un discorso musicale coerente, da circa 10 anni, e
d ha evoluto il suo stile in un misto di chicago blues e di soul, non disdegnando sconfinamenti nello swing e nel jazz;
non è raro trovare ospiti di levatura nazionale nei suoi concerti (Vittorio Alinari, Mimmo Wild Mollica, Oscar Bauer,
Andrea Roventini, Andrea Lupi, Giada Masoni, Giacomo Ferretti, ecc.)..
Ha avuto l’onore e il privilegio di suonare con molti artisti stranieri: fra i grossi calibri segnaliamo
Willie Murphy (Philadelphia) per il quale ha aperto un concerto nel 2005,
Andy “Jazz” (California), “Sax” Gordon Beadle (Boston),
Faye “Peaches” Staten (Chicago), Jamie Dolce (New York), oltre che
Elam McKinght e Keith Carter (Tenessee),
Danny Crews (Arkansas),
Andrew Martin (UK),
gli “Hoochie Coochie men” (Minorca, Spagna)
George Soares (Salvador de Bahia, Brasile)
Filippo ha diviso il palco anche con artisti del panorama jazz nazionale fra cui Raffaele Kohler, Vittorio Alinari, Franco Nesti,
 Carlo Cavallini, Franco Santarnecchi, Renato Ughi, Cristiano Pacini, Dimitri Grechi Espinoza, Federico Bertelli, Gabriele Evangelista
nonché con alcuni fra i piu’ importanti bluesman italiani fra cui i toscani Nick Becattini & serious Fun, Mimmo “Wild” Mollica,
Donnie Romano & Catfish Combo, Giada Masoni & Bluesy Guys, “J” Sintoni & Blues Tribe,  PippoBlues Antonini & Blues Train,
 Oscar Bauer & Hotel La Salle, La Chicago Blue Revue, Leo Goodies and the Blue Gadjo, Daniele Nesi, Andrea Lupi, Davide Malito,
Marco Polidori, Manlio Pepe nonché con Maurizio Matt (Ancona), gli Electric Blue (Milano) la Turtle Blues Band (Civitavecchia)
e molti altri ancora.
 
Al basso elettrico GIAMPIERO VERDOLINO, 40 anni, esperto ed intelligente musicista di origine napoletana, che vive a Firenze. Giampiero è il motore della band, un mix unico e riuscito di tecnica sopraffina, feeling e senso dello humour, con un notevole tiro: musicista di enorme versatilità eccelle nel jazz e nel blues, senza mai perdere la verve e l’ironia che lo contraddistinguono. Suona sia il basso elettrico, un meraviglioso Fender jazz bass attivo a cinque corde, che il contrabbasso.. E’ diplomato in contrabbasso (studi classici) al conservatorio San Pietro a Maiella di Napoli e con alle spalle importanti approfondimenti fra cui studi Jazz con vari Maestri: Attilio Zanchi, Matthew Garrison, Furio Di Castri e clinics presso l’Umbria Jazz. in uscita il cd), Napoli 91, Akuna Matata, Big Band Andi, Big Band Conservatorio di Latina. Inoltre ha suonato con i jazzisti: Javier Girotto, Rosario Giuliani, Marco Sannini, Pietro Condorelli, Fabrizio Bianco, Enzo Nini, Aldo Bassi, Gianni Bardaro, Pasquale Bardaro, Francesco Villani, Pierluigi Villani, Pino Iodice, Vito Ranucci, Antonio Onorato, Daniele Sepe, Mauro Zazzarini, Marco Zurzolo. Inoltre vanta, oltre che esperienze teatrali e di lirica, anche alcune eccellenti collaborazioni pop: Gragnaniello, Angela Luce, Mario Castiglia, Lino Cannavacciuolo, Enzo Caradonna, Antonella Morea, Pina Cipriani.  Ha partecipato a vari Festival: Eddy Lang Day, Settembre al Borgo, Festa della Musica di Madrid, Latina Jazz.
 
ANTONELLA DELLA MALVA, è la front woman, una cantante completa e carismatica che spazia dal canto lirico al jazz, al soul e al blues con una estensione eccezionale. Antonella ha alle spalle a importanti studi di canto (fra cui non si può tralasciare Fedora Barbieri, mezzosoprano di fama internazionale e Delfo Menicucci, già maestro di Andrea Bocelli) e una formidabile dote naturale che gli consentono di affrontare qualsiasi repertorio, pur eccellendo nella musica nera (jazz, blues e soul). Antonella , che è anche attrice di teatro e autrice di pezzi propri, offre alle esibizioni dei BAD DOGS quel qualcosa in piu’ in termini di raffinatezza ma anche di potenza e pathos che pochissime altre band possono vantare. Sensuale e carismatica, il suo canto non si dimentica facilmente.
 
MICHELE AMATO alla batteria, completa la line up della band: già allievo del jazzista fiorentino Pietro Borri e del grandissimo Michele Leonardi, batterista di Zucchero. Michele è già noto alle cronache locali per i suoi concerti con un coro gospel a 40 elementi.  Tecnicamente molto dotato, dal carattere timido e riservato, è uno dei piu’ promettenti batteristi della Toscana, a soli 23 anni ha vinto con Filippo il concorso Obiettivo Bluesin 2006 dal quale è derivata la partecipazione al Pistoia Blues 2006 .